I racconti del cuscino

i corpi. gli amanti. delle lettere. un racconto.

Venerdì 22 novembre Alessandra Giannetti ha ospitato la performance 'I racconti del cuscino' tratta dall’omonimo romanzo di Sei Shonagon, con Giulia Gallo e Massimo Bracciolino per la regia di Rossano Giuppa.

Redatti agli inizi dell'XI secolo da Sei Shonagon, scrittrice e poetessa giapponese ma anche dama di corte legata alla principessa Sadako, I racconti del cuscino riflettono la raffinatezza della cultura Heian nel momento del suo massimo splendore. Nei trecentodiciassette capitoli dei Racconti la donna annota in una sorta di diario intimo le sue impressioni e riflessioni sui riti e costumi di corte alternandoli a descrizioni di persone e di luoghi, a rievocazioni di amori appassionati, a celebrazioni della bellezza di eventi e di fenomeni naturali, secondo uno stile leggero e raffinato, allegro ed elegante.

La performance mostra il rapido susseguirsi di riflessioni e immagini accompagnate dalla musica dei Chromatics in uno luogo senza tempo che celebra il passato ed il presente e la bellezza evocativa e sensuale dei versi della Shonagon.

Spazio ideale della performance è lo store di Alessandra Giannetti, da sempre legata alla cultura giapponese e ad un archetipo femminile che riconosce il valore più primitivo e nostalgico della natura, in cui si muove una donna al tempo stesso matura e elegante nella sua consapevolezza, con una femminilità risolta e un animo vivace, capace di accogliere la molteplicità.